Una casa calda e accogliente. Per tutti

Scritto da Giovanni Del Zanna il 08-12-2008

Blog-Stannah-montascale-a-poltrocina-anziani-interni

casa rossaDa alcuni anni architetti e designer hanno iniziato a considerare con attenzione una progettazione più attenta ai bisogni dell’uomo, che desse a tutti il senso di calore e accoglienza che di solito si associano al luogo in cui viviamo: alla nostra casa.
Si tratta di un rovesciamento di prospettiva totale: se per secoli si è progettato per “uomini standard”, alti, giovani, forti e belli (con capelli biondi e occhi azzurri!) i cambiamenti demografici e una maggiore sensibilità sociale hanno messo in evidenza l’esigenza di considerare i bisogni delle persone con disabilità.
All’inizio gli architetti hanno affrontato il tema delle barriere architettoniche e i designer a pensare in modo nuovo arredi e prodotti. Ben presto, però, ci si è accorti che non si poteva considerare il “disabile” in senso astratto, pensando solo a quello del simbolo, l’omino in carrozzina. La soluzione non poteva essere neppure quella di un nuovo standard, semplificato, da affiancare allo standard “normale”.
Molti sono stati gli orientamenti a livello internazionale.
Negli Stati Uniti si è iniziato a parlare di Universal Design, un progetto universale attento alle diverse esigenze. In Europa, dopo un primo approccio “Barrier Free” (limitato al tema delle barriere da rimuovere),
si è diffuso il concetto di “Design for All”.

In Italia, dove si è iniziato a parlare di “Progettare per tutti”, si è sviluppato anche il concetto di “Progetto per l’Utenza Ampliata”.
Diverse terminologie, diverse sfumature, ma un’unica filosofia: il progetto non può essere concentrato solo sugli aspetti estetici o sulle questioni tecnologiche, ma deve considerare anche i bisogni degli utenti, delle persone – tutte uguali e tutte diverse – che utilizzano le città, le strade, le case, gli arredi i prodotti e i servizi.

Ben presto ci si è accorti che non si poteva suddividere la popolazione in “disabili” e “normali” (chi è normale? chi è normodotato? forse qualcuno è solo “normo-fortunato”!),
che le difficoltà delle persone possono essere molte, diverse tra loro e più o meno gravi. Si è capito che gli anziani, con qualche “acciacco dell’età” non possono essere banalmente considerati disabili. Insomma, la realtà dell’uomo è cosa molto più complessa – per fortuna – delle etichette che vogliamo mettere per semplificare.
Allora, a che punto siamo arrivati oggi?

Diciamo che siamo partiti, più che arrivati. Gli obiettivi sono chiari: “progetti per tutti”, ma per far sì che il “tutti” non diventi un “tutti e nessuno”, è necessario vedere le cose da vicino, con attenzione.
E’ importante conoscere le reali esigenze delle persone, capire come si svolge la vita di tutti i giorni, studiare, ragionare e proporre idee e soluzioni nuove.
Dal punto di vista pratico alcuni cambiamenti ci sono stati: da quando ci si è accorti del problema delle barriere architettoniche ad oggi non possiamo dire che nulla sia cambiato.

La normativa, nel bene e nel male, ha stimolato una maggiore attenzione ai bisogni degli anziani e delle persone con disabilità.
Certamente ci sono ancora molte cose da fare, da migliorare.
Quindi cerchiamo di cogliere quanto di meglio è stato fatto, continuiamo a promuovere la filosofia del “design for all”, incoraggiamo il confronto fra utenti progettisti e aziende, stimoliamo studi, ricerche e progetti.
Ma soprattutto impariamo a vedere, e promuoviamo, una cultura in cui i progetti (e le realizzazioni) siano davvero attenti all’uomo, all’utente “reale”, una cultura che metta al centro la “qualità della vita”, quella vera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.