Scritto da Stannah il 12/07/2010

L'impegno verso gli anziani? In Giappone si dice "ikigai"

Muoversi-Insieme-Stannah-leader-montascale-poltroncina

La vita è sempre “degna di essere vissuta”, anche in tarda età. Per ribadire questo concetto, in Giappone basta un’unica parola: “ikigai”. Letteralmente, il vocabolo vuol dire “degno di essere vissuto”, ma concretamente viene usato per riassumere l’impegno delle politiche sociali del Paese del Sol Levante a favore dell’autostima e l’indipendenza delle persone anziane. Un modo per garantire l’una e l’altra è il lavoro, verso il quale gli anziani giapponesi vengono spinti in vari modi. Un’agenzia interinale, per esempio, assume solo personale di età avanzata, mentre molte aziende fanno in modo che gli ex dirigenti tornati a lavorare non siano diretti dai nuovi manager che una volta erano alle loro dipendenze. La notizia è stata riportata dal Centro Maderna, spesso fonte preziosa dei nostri post e articoli, ma originariamente era comparsa su un giornale americano che parlava di “ageing society” come di una caratteristica tipica della contemporaneità. L’invecchiamento della popolazione è infatti un fenomeno comune alla maggioranza dei Paesi avanzati e comporta necessariamente di rivedere le categorie di “vecchio” e “giovane” e di “attivo” e “a riposo”. In Italia, per esempio, di recente si è tornati a discutere dell’allungamento dell’età pensionabile per tutti dal 2012: il dibattito è delicato ed è anche comprensibile che dopo una vita di lavoro ci sia qualcuno che voglia godersi la pensione anziché restare in servizio. Oltretutto, soprattutto da noi si rischia anche il conflitto generazionale con i più giovani che, al contrario, come dicono le statistiche, non riescono a trovare occupazione. Si tratta di cambiamenti epocali che richiedono riflessioni approfondite, di certo non circoscrivibili in queste poche righe. A voi chiediamo solo: che cosa pensate del concetto di “ikigai”? Conoscete esempi italiani che hanno applicato la filosofia giapponese? Raccontateci le vostre esperienze: chissà che non servano a schiarire le idee ad alti livelli…

Leave a Reply

Your email address will not be published.