Ricordare i cari, con un sorriso

Scritto da Stannah il 31-10-2008

Mi piace guardare le mie vecchie foto. Più sono vecchie, più io mi ritrovo giovane
(dal calendario di Manfredi Fischetti)

foglia rossa

Ormai ci siamo: l’ora l’abbiamo già cambiata e le vetrine delle nostre città da giorni si sono colorate di arancio. E dire che la festa di Halloween non ha molto a che vedere con le tradizioni del nostro Paese: chi ha i capelli grigi di sicuro non andava di casa in casa a reclamare “dolcetto o scherzetto”Ma tant’è: da diversi anni la notte del 31 ottobre porta i “cocomeri” agognati da Linus nei Peanuts di Charles Schultz anche ai bambini italiani.
E se non fosse per qualche addobbo forse un po’ troppo lugubre, i piccoli maghetti e le graziose streghette che affolleranno oggi le piazze di molti dei nostri borghi ci faranno sorridere e ci prepareranno ad affrontare con più leggerezza l’ingresso nel mese di novembre.

Domani e domenica, come sappiamo, sono i giorni in cui molti di noi faranno visita ai cari scomparsi.
Molti italiani si metteranno in viaggio per raggiungere i luoghi di nascita, dove si è lasciata una parte importante della propria vita, di solito la più spensierata. Far visita ai cari defunti sarà quindi anche un piccolo salto nel passato, sulla traccia di strade già percorse, una volta così familiari, oggi così lontane.


Inevitabilmente qualcuno un pizzico si struggerà, ma non è detto che uno stato d’animo meno spumeggiante sia sinonimo di grigiore e tristezza. Capita infatti che, nel pensare a un caro che non c’è più, ci ritorni alla mente un aneddoto divertente, per esempio una gita di famiglia culminata con le salaci battute di una simpaticissima prozia.

Oppure, nel tornare nei luoghi dell’infanzia, si rincontreranno volti che non si vedeva da un pezzo e ci si stupirà di nutrire per loro l’identico affetto di una volta.
La vita è piena di situazioni sorprendenti, e poi tutti, più o meno, abbiamo avuto o abbiamo ancora zii o cugini un po’ scombinati…

In definitiva rievocare i tempi andati, ricalcarli addirittura, non vuol dire per forza deprimersi: certe volte, anzi, può essere una medicina per l’anima.

Proprio al ricordo e alla memoria, dunque, abbiamo voluto intitolare il mese di novembre, per riflettere, sempre con il sorriso, sul nostro passato, sulle tradizioni della nostra infanzia (pensate alle poesie per l’estate di San Martino! Quanti di noi se ne ricordano almeno una?) e sulle nostre dimenticanze… a chi per esempio non è capitato di scordarsi di pagare una bolletta, o, al contrario, di avere la sensazione di rivivere una situazione già conosciuta prima?

Ecco, il viaggio di questo mese ci porterà dritti nella nostra testa e fuori, nel mondo delle scadenze da rispettare e dei precetti dietetici da ricordare, prima di addentare una castagna e concedersi un bicchiere di vino novello!
Volete seguirci? Speriamo di sì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.