Bella stagione, luce e colori e... buon umore!

Scritto da Stefania Marcolin il 26-05-2008

medium_sole_sopra_l_erba_Stannah.jpgIl significato positivo della luce era noto fin dall’antichità quando il sole era riconosciuto come dio; per secoli recuperato in modi di dire e proverbi, ancora in uso, basati unicamente sull’esperienza, indicano significati condivisi in molte parti del mondo: si dice ad esempio “il bambino è venuto alla luce” oppure “ho rivisto la luce dopo tanto tempo”.
Oggi la scienza conferma: recenti studi dell’American Cancer Society sui benefici del sole rivelano che la bella stagione, portando luce e calore, può creare qualche scompiglio, ma nell’insieme è benefica per la salute e l’umore.
Il sole è una medicina naturale, se usato nelle giuste dosi, per malattie del corpo, ma anche irritabilità, ansia e depressione traggono beneficio dai raggi solari producendo un effetto euforizzante.

Paolo Zucconi, neuropsicologo, spiega che i fattori meteorologici come l’alternanza delle stagioni, l’irraggiamento solare o le escursioni termiche modifichino lo sviluppo del ciclo vitale degli esseri umani, influendo sull’incremento della serotonina, neurotrasmettitore deputato al controllo del tono dell’umore. Una carente esposizione alla luce solare procura a certi soggetti un decremento così importante del tono dell’umore tanto da diagnosticare un “disturbo dell’umore ad andamento stagionale”, detto Sad, Seasonal affective disorder, una forma di depressione a ricorrenza stagionale, tipica psicopatologia di origine meteoropatica, che esordisce solitamente durante la stagione autunnale con remissione a primavera avanzata e risoluzione in estate.
Negli Stati Uniti e in Inghilterra questa forma di depressione si cura, con buon successo terapeutico, con la light therapy, la terapia della luce.


In generale, gli italiani pensano che l’estate, con la bella stagione e le vacanze, porti un miglioramento dello stato d’animo e dei rapporti con gli altri.
Allora come aiutare la nostra psiche ad avvantaggiarsi pienamente della bella stagione?
Partendo dal liberarsi dalle cause dello stress come eccessivo lavoro e ritmi accelerati.
Dedicarsi alla bellezza, alle piante, all’arte e alla cultura in generale, a nuovi interessi e viaggi, ai bambini e agli animali, liberando la mente ed il cuore.

Programmare del tempo per le attività piacevoli che non avete avuto tempo di praticare d’inverno per troppo lavoro. Curare di più il proprio aspetto fisico: cambiare abbigliamento, qualche volta succede che d’inverno con la scusa del “tanto siamo coperti”, ci si lasci un po’ andare, ma la bella stagione e la moda prevedono maggiore mostra di sé e allora… sotto con i rimedi naturali!

Anche una nuova dieta aiuta ad affrontare meglio i cambiamenti: via alle sane abitudini, ai piatti leggeri e frutta e verdura fresche…
Non ultimo un moderato esercizio fisico che aiuta anche a stare di più all’aria aperta o la pratica di qualche tecnica di rilassamento sono salutari sia fisicamente sia psicologicamente.

Attenzione, però, a non sovraccaricarsi di aspettative. Queste modificazioni sono possibili se partono dalla mente: occorre esercitarsi nel fare o pensare a qualcosa di diverso, qualcosa che vi permetta di spezzare le abitudini, di uscire dalla routine e riuscendoci gratificarsi con piccoli regali o autocomplimenti!

Se ci si sente ansiosi o inquieti perché non si riesce a fare cose nuove, realizzare obiettivi basta prendersi più tempo e affidarsi a buonsenso e spirito pratico, pensando con fiducia che c’è una soluzione per ogni problema. Le frustrazioni derivate dal mancato raggiungimento degli obiettivi sono comuni a tutti gli esseri umani, quando ci capita non resta che provare a capire con serenità il perché.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.